miei scritti

Tutti i post nella categoria miei scritti

Parliamo di… psicologia

Pubblicato 8 febbraio 2022 da Giada Bevicini

Parliamo anche di… psicologia, sì, ma con cognizione di causa, perché troppo spesso si sente dire che il consiglio di una buona amica (che sicuramente aiuterà),è meglio di uno psicologo se si ha un problema, ma è davvero svilente per chi studia per questa professione o fa lo psicologo sentire sempre dire che… tutti sono un po’ psicologi! Il lavoro che c’è dietro non tratta solo di dare “buoni consigli”; c’è molto di più, ci sono dietro delle metodologie, delle tecniche, delle pratiche, dei trattamenti, dei passaggi da effettuare,  che sono ben definiti ed uno studio in continuo aggiornamento, che non smette mai di essere in transizione.

Essendo questo solo il mio blog personale, i miei NON sono articoli scientifici ma solo il frutto di ciò che ho assimilato e tuttora sto facendo, nei miei studi, piccoli pensieri e riassunti che mi piacerebbe qui riportare, affinché venga esplorata anche questa parte di me e messa sul blog e non solo su carta. Preciso comunque che scrivo qui anche di psicologia perché ho una laurea in Scienze e tecniche dello sviluppo e dell’educazione e sono anche, alla mia tenera età, una studentessa della Magistrale di Psicologia del ciclo di vita e dei contesti, per cui riporto qui solo i miei pensieri, che sono argomenti di mio interesse, anche perché è giusto che su questo blog venga rappresentata anche questa parte così importante di me.

Uno stralcio dai miei scritti…

Pubblicato 9 novembre 2015 da Giada Bevicini

Il frigo sempre pieno, l’armadio straboccante di vestiti, cento paia di scarpe, tecnologia di ultima generazione per tutta la casa, i fine settimana sempre impegnati… tutto ci distrae dalle cose vere.

La realtà è che ogni giorno dovremmo vivere ritagliandoci momenti felici, assaporando ogni singolo istante, ma non lo sappiamo fare ed è per questo che riempiamo di cose la nostra vita; se non ci manca niente saremo felici.

E invece ti ritrovi solo, circondato da cose, tante cose di poco conto e pochi affetti, pochi sentimenti, come se questi non appartenessero all’uomo. Siamo estranei anche a noi stessi ormai.

Ma tu parlami, guarda la mia anima negli occhi e dimmi che non sono solo un volto, uno tra i tanti; io sono un’anima che danza, sognando.

Dentro ho un mondo pieno di colori per disegnare arcobaleni, desideri irrealizzati ma sempre vivi, sogni chiusi nel cassetto in attesa di volare…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: